3×17 – STITCHES


 

 

 

Se vi siete persi gli episodi della prima e seconda stagione, cliccate qui: 

PREVIOUSLY ON CROSSROADS

Volevo inoltre ringraziare tutti per il supporto e per seguire la storia, dai grafici del blog siete davvero tanti! E a proposito di questo, immagino che molti di voi leggano senza commentare… Mi rendo conto che a volte è scocciante, magari siete di fretta, ma io ho veramente bisogno di un vostro feedback, anche saltuario… Giusto per farmi sapere che ci siete, che lo seguite (oppure avete smesso, e se avete smesso perchè), cosa pensate funzioni e cosa no…. Altrimenti la storia non potrà mai migliorare, io non potrò mai migliorare! Grazie ancora a tutti, e buona “visione”!

camera liz

Colonna Sonora – Thinking Out Loud

PHIL (2)

Phil apre gli occhi, li richiude subito dopo. La luce che arriva dalla finestra accanto al letto è troppo forte perchè quella sia camera sua.

LIZ: Buongiorno.

liz nuiova

Il ragazzo si volta sul letto, in direzione di dov’è arrivata la voce. Liz, accanto all’armadio, si sta infilando una maglietta. Phil rimane a guardarla, un braccio sotto la testa. Senza accorgersene, richiude gli occhi. Poi qualcosa lo colpisce in pieno viso. Sobbalzando, afferra il cuscino arrivatogli in faccia.

PHIL: Buongiorno anche a te.

LIZ: Vestiti, devi uscire. Sotto ho già l’intera famiglia felice a fare colazione.

PHIL: L’ospitalità regna sovrana…

Phil si alza, Liz lo guarda dal riverbero dello specchio esterno all’armadio. Una sensazione strana la coglie: si sente strana, diversa, in colpa e felice insieme. Scuote la testa ridendo, poi quando rialza gli occhi vede che Phil la sta guardando. Si guardano così, dallo specchio.

phil letto

PHIL: Cos’hai da ridere?

LIZ: E tu cos’hai da guardare?

Phil si avvicina, alza le spalle, addosso solo i jeans.

PHIL: Beh, da guardare in realtà qualcosa ce l’avrei…

Liz si volta, lo guarda negli occhi cercando di trattenere un sorriso.

LIZ: Devi uscire di casa.

PHIL: Posso sempre usare la finestra.

Liz sente il ricordo arrivare, non richiesto.

LIZ: No,no. Useremo le scale.

PHIL: Ah certo.. Ogni scusa è buona per vantarti..

Phil si infila velocemente la maglietta, mentre Liz apre la porta della camera.

LIZ: Ora, pensi di riuscire a seguirmi senza fare rumore?

PHIL: Quindi niente suocera?

LIZ: Mia madre non è un problema, non c’è. Però ci sono tutti i miei fratelli, acquisiti e non.

PHIL: Ah, quindi anche quell’altro idiota innamorato di te..

LIZ: Non dire cazzate, non è innamorato di me.

PHIL: Tu non dire cazzate.

Liz si volta improvvisamente, appena iniziate a scendere le scale, stizzita. Troppe volte ha sentito quelle insinuazioni su Ethan, quelle stesse insinuazioni che l’hanno spinta a dichiararsi e a rovinare tutto.

LIZ: Io lo conosco. So quello che dico.

PHIL: Ok,ok… Ma è un idiota in tutti i modi.

Liz sorride, poi Phil scende velocemente i gradini che lo separano da lei, la bacia facendola appoggiare contro il muro.

LIZ: Tu sei matto.

PHIL: Non mi sembra che tu mi abbia fermato. Nè ora, nè ieri sera..

LIZ: Non mi sembrava tu fossi d’accordo a fermarti, in ogni caso.

Phil la guarda, Liz si chiede per un attimo come sia possibile non essere imbarazzata, nel parlare in maniera così allusiva con una persona appena conosciuta.

PHIL: Touchè.

Liz lo guarda per un altro istante e pensa di risalire. Fanculo a tutti. Poi sente le scale scricchiolare, entrambi si girano. Peter.

PETER: Ehm… Buongiorno.

3B PETER2

Il rossore improvvisamente appare. Liz abbassa lo sguardo,imbarazzata. Phil invece sorride al ragazzo.

PHIL: Phil, piacere. Tu sei Lucas, il fratello di Liz?

PETER: No, sono Peter. Ma sono ugualmente..

Peter non sa come continuare, Liz lo guarda a sua volta, legge negli occhi del ragazzo la stessa difficoltà. Ethan e Lucy, affacciandosi dalla cucina, salvano entrambi dalle spiegazioni.

LUCY: Pete, vieni ad aiutarci, non troviamo il caffè…

lucy2

La ragazza rimane interdetta, guardando l’inusuale gruppo in cima alle scale. Ethan rimane a bocca aperta, non riesce a simulare indifferenza.

PHIL: Buongiorno a tutti. Io sono..

LIZ: Lui se ne stava andando. Il caffè è nel secondo ripiano a sinistra.

Liz scende le scale, afferra la mano di Phil e supera Ethan e Lucy. La ragazza si gira verso il fratello minore, vede la sua mascella contrarsi. Guada Peter, ancora in cima alle scale, in maniera allusiva.

PHIL: Mi stupisco che nessuno abbia sospettato che fossi in camera con te… Eppure non sono così male..

Liz lo colpisce sul petto, mentre apre la porta di casa.

LIZ: Tu sei scemo!

Phil la guarda, preoccupato.

PHIL: Ah, dici di no? Allora ricordo male..

LIZ: Devi smetterla di presentarti come se..

PHIL: Come se?

Liz fa un grosso respiro, Phil la precede.

PHIL: Come se fossi il tuo fidanzato. Hank è il The One and Only. Io sono solo un passatempo sessuale.

Liz fa un sorriso ironico, inclina leggermente la testa.

LIZ: Per essere un passatempo sessuale devi essere ad alti livelli. Non ci allarghiamo.

Phil la guarda, poi le si riavvicina, finge di voler rientrare.

PHIL: Allora Marshall, saliamo un attimo, che analizziamo bene la cosa..

Liz sorride, poi lo spinge fuori.

LIZ: Devo andare.

Phil annuisce, poi le fa il suo sorriso storto.

PHIL: Quindi non stiamo insieme…?

Liz lo guarda, prima di chiudere la porta.

LIZ: Te l’ho già detto, Phil. Non ci allarghiamo.

Chiude la porta, ed entrambi sorridono. Poi Liz pensa a cosa l’attende in cucina, e il sorriso le muore sulle labbra. Velocemente, percorre le scale verso la sua camera, decidendo che farà colazione fuori.




 

casa hank

CECILIA: Sono preoccupata.

mamma hank legge

Hank guarda di traverso la madre, mentre gira il caffè.

HANK: Tu sei sempre preoccupata, mamma.

3B HANK5

CECILIA: Mio figlio è tornato a casa tumefatto e con il labbro spaccato. Forse ho capito male io, ma ricordavo andasse a vedere una band suonare, non ad un incontro di pugilato.

HANK: E’ stata colpa della band se sono ridotto così. Anzi, di quella simpatica della mia ex.

Lo dice con rabbia, poi beve di fretta il caffè. La madre inarca le sopracciglia.

CECILIA: La tua ex?

HANK: Liz, mamma.

CECILIA: Ah.. E’ che non l’abbiamo mai definita “la tua ex”… Perdo dei colpi..

HANK: E’ tutto quello che è, ora.

Cecilia lo guarda senza capire, poi il campanello interrompe la conversazione.

CECILIA: Sarà papà che ha dimenticato le chiavi.

HANK: Vado io.

Hank va ad aprire la porta.

JUSTIN: Però, la faccia è ancora meglio di ieri sera.

3B JUSTIN5

HANK: ‘Fanculo, Just. Non sono in vena di ramanzine.

JUSTIN: No, io volevo scroccare la colazione. Sai, per evitare i miei e le loro domande sulla mia convivenza naufragata.




 

HANK: Comunque lo so, non avrei dovuto cedere alle provocazioni.

Justin lo guarda, poco dopo, mentre mangia voracemente una torta preparata da Cecilia il giorno prima. La madre di Hank è andata a lavorare, non senza aver salutato calorosamente Justin. Adora il ragazzo.

JUSTIN: Si, non avresti dovuto. Ma più o meno tutti ti hanno dato ragione, e mettendomi nei tuoi panni forse avrei fatto lo stesso.

HANK: Una bella rissa tra te e Lucas. Ce la vedo.

Hank si appoggia al bancone della cucina, incrocia le braccia, poi sbuffa.

HANK: Comunque mai una volta che arrivi una donna a casa mia.

JUSTIN: Chi ti aspettavi che fosse? Liz? Hai chiarito con lei ieri?

justin mangia la torta

HANK: Si, ho chiarito che non voglio più averci niente a che fare. E’ una stronza..

JUSTIN: E’ in un momento delicato..

HANK: Le persone in momenti delicati stanno da sole, non vanno con il primo idiota che incontrano..

JUSTIN: Sei ingiusto.

HANK: Lei non lo è stata? E poi basta parlare di Liz, per fortuna non è l’unica donna nella mia vita..

JUSTIN: Giusto, Josie.

Justin scarta anche l’ultima merendina, poi lo guarda.

JUSTIN: Per una volta, avevi ragione. Sei decisamente più bravo di me nelle percezioni sentimentali.

Hank aggrotta le sopracciglia, confuso.

HANK: Di cosa stai parlando?

JUSTIN: Del fatto che avevi ragione, non le piaci tu.

Justin ride, prima di bere un sorso di caffè.

JUSTIN: Decisamente non le piaci tu.

Hank non sa come interpretare quella frase, sa solo che non si sente per niente sollevato, ma anzi, infastidito.

HANK: E chi allora?

JUSTIN: Nick. Avresti dovuto vedere la lingua che è partita ieri..

HANK: Ieri? Dove?

JUSTIN: Poco dopo che tu e Liz siete spariti. Cioè, io e Mac eravamo allibiti.. Ero convinto che a Nick piacesse Beth, e mi sa che ne era convinta pure lei. Ha detto che andava un attimo in bagno e poi non si è più vista…

HANK: Si sono baciati.

JUSTIN: Si, è quello che ho detto. Nick sembra essere l’unico accoppiato del gruppo.

Justin sorride, ma Hank non risponde. Rimane in silenzio, cercando di decifrare quella sensazione di fastidio.

JUSTIN: Tutto ok?

HANK:Si, tutto ok.

L’avviso di un messaggio. Justin guarda i display, poi smette di sorridere anche lui.

JUSTIN: E’ Mac.

HANK: Che succede?

JUSTIN: Dereck ci ha convocati allo Spotted, oggi pomeriggio. Mac dice che sembrava incazzato.




cinema joy

3B NICK3

Nick prova per l’ennesima volta a chiamare Beth, ma il cellulare suona a vuoto. Digita velocemente il quarto messaggio della mattinata “Dove sei?  Ti devo parlare, ieri sei sparita ma.. Ti devo raccontare una cosa”, poi aumenta l’andatura, il Joy a pochi passi da lui.

Quando vede Josie uscire dalle porte a vetri, sente un tuffo al cuore. Stenta ancora a credere a quello che è successo la sera precedente, stanotte non è riuscito a chiudere occhio e non ha potuto parlarne con nessuno. L’unico a cui vuole raccontarlo è Beth, ma è tutta la mattina che non gli risponde.

NICK: Ehi!

Sente il cuore in gola mentre la saluta. Vede Josie girarsi, le mani tremarle mentre si accende una sigaretta. E’ struccata, ma a Nick sembra ugualmente meravigliosa. Lei gli sorride mentre lo vede avvicinarsi,poi si concentra sulla sigaretta.

NICK: Sono arrivato un pò prima, così puoi andare a casa..

JOSIE: Oh.. Grazie, ma non dovevi. E’ stata una mattinata tranquilla, ho sistemato tutte le cartelle esattoriali…

josie4

NICK: Che culo.

JOSIE: Già.

La ragazza sorride, poi lo guarda, un pò in imbarazzo.

JOSIE: Allora io andrei…

Nick la guarda, annuisce deluso. La vede fare due passi, poi ci ripensa.

NICK: Jo..

La ragazza si è già girata, parlano all’unisono.

JOSIE: Senti Nick..

Rimangono a guardarsi, chiedendosi chi deve parlare per primo.

JOSIE: Prima tu.

Nick legge quel sorriso come un incoraggiamento.

NICK: Io.. Beh, considerata ieri sera, ma in realtà a prescindere da ieri sera.. Volevo inviarti fuori.

Josie lo guarda, a bocca aperta.

JOSIE: Nick, senti, ieri sera..

NICK: No, ma lo capisco, è stato il momento e tutto ma.. Era da un sacco che volevo chiedertelo… Da anni, in realtà.

JOSIE: Anni?

josie senza parole

NICK: Si,anni.

Josie rimane in silenzio, sorpresa. Non sa cosa rispondere, poi opta per quello che preferisce. La verità.

JOSIE: Nick, io non ne sapevo niente..

NICK: Ma infatti non è colpa tua, cioè, non ti sto facendo una colpa di questo, ovviamente…

JOSIE: Beh, se lo avessi saputo non avrei mai.. Ieri sera io.. Io stavo male, e tu hai detto quelle cose, e mi hanno fatto bene, e ho agito d’istinto..

NICK: Si lo so..

JOSIE: Ma era qualcosa legato al momento. Io… Io non penso che io e te potremmo mai avere una relazione..

NICK: Non sai nemmeno come potrebbe essere.

JOSIE: No, lo so. O almeno, posso immaginarlo. Tu… Tu sei un ragazzo fantastico, Nick. Quello che mi hai detto ieri sera.. Vorrei essere in grado di guardarmi con i tuoi occhi, e sono sicura che tu mi insegneresti a farlo. Non ho dubbi sul fatto che ti impegneresti al massimo per rendermi felice, ma io.. Io no. Io non ci riuscirei. E non meriti questo, per il bene che ti voglio.

Nick rimane in silenzio,non sa cosa dire, si limita ad annuire. Josie lo guarda in evidente imbarazzo, senza sapere come concludere. Nick la toglie dall’impiccio, ancora una volta.

NICK: Ora dovrei… Andare. Ci vediamo stasera, presumo..

JOSIE: Ok, buon.. Buon lavoro.

NICK: Grazie.

Il ragazzo supera la porta a vetri, mentre cerca di non piangere.




camera lucas

lucas serio foto

Lucas si decide ad alzarsi dal letto, accantonando definitivamente l’idea di trascorrere l’intera giornata nella stanza. L’incontro di ieri con Jessy lo ha disturbato, e la sensazione di fastidio, e di nostalgia, e di dolore lo ha accompagnato per tutta la giornata, perfino la sera, durante la cena con il compagno della madre. Nello scendere le scale, sente delle voci nuove, e ci mette un pò a capire che appartengono a Lucy e Peter.

LUCY: Buongiorno.

LUCAS: ‘Giorno.

Si stropiccia gli occhi, ancora assonnato. Poi guarda i due, improvvisamente in silenzio.

LUCAS: Potete parlare, basta non coinvolgermi in discorsi a quest’ora della mattina…

Peter sorride.

PETER: Bello essere il fratello minore, vero?

Poi si blocca, pensa che la frase possa essere travisata.

PETER: Ovviamente intendevo… Te e Liz..

LUCAS: Tranquillo.

Lucas prende una tazzina, la riempie con il caffè rimasto nella moca.

LUCY: Quindi ti dicevo, il relatore ha pensato bene di distruggere le mie uniche venti pagine di tesi..

PETER: Vuoi che ci dia un’occhiata? Ho delle reticenze riguardo la tua capacità di scrittura..

LUCY: ‘Fanculo, Pete.

LUCAS: C’è anche Liz, nel caso… Magari potrebbe essere uno stimolo per riprendere la… Ma chi ha fatto questo caffè?

LUCY: Io. E’ stato più facile metterlo sul fuoco che trovare tutti gli ingredienti.

LUCAS: Beh, è buono. Lo fai meglio di mia sorella, che ha lavorato in un bar..

LUCY: Anche meglio di mio fratello, e il bar era lo stesso.

Lucas sorride, poi si guarda intorno.

LUCAS: Ethan…

PETER: E’ uscito.

Il ragazzo si sforza di non guardare Lucas, non ha certo intenzione di dirgli che ha visto Liz uscire dalla sua camera con un ragazzo. Ma Lucas non li ascolta più, la mente è tornata senza apparenti connessioni a Jessy.

LUCY: Tutto bene?

Lucas si riscuote, li guarda abbozzando un sorrido.

LUCAS: Si, tutto bene. Pensavo agli esami da recuperare… E alla gente che si laurea.

LUCY: Oh, è ancora lunga.

PETER: Sicuro che sia solo per questo?

Lucas lo guarda, sconcertato. Peter si affretta a scusarsi.

PETER: Scusa, deformazione da fratello maggiore. Oh, ovviamente mi riferivo..

LUCAS: Si, lo so. Tranquillo, davvero. Ora sarà meglio che mi prepari e vada all’università..

Lucas appoggia la tazzina nel lavello, Peter lo guarda salire le scale.

PETER: Sono un coglione.

LUCY: Un pò.

La ragazza gli sorride, poi gli appoggia una mano sulla spalla.

LUCY: Sanno benissimo che lo spaesamento che provano è lo stesso che provi tu. Non mi sembrano degli idioti, quindi… Dagli tempo.

Peter le sorride, la ragazza si avvia lungo le scale.

LUCY: E poi li capisco, più possono ritardare l’avere un fratello maggiore come te..

lucy smorfia

Gli fa una linguaccia, mentre Peter le urla di rimando.

PETER: Sbrigatela da sola con quella tesi, allora!




the spotted cat

Hank, Mackenzie e Justin arrivano davanti alla porta di Dereck, preoccupati.

MACKENZIE: Perchè non ci sono anche gli Shameless?

mac3

DERECK: Considerati i recenti avvenimenti, ho pensato di farvi venire in due orari diversi.

Dereck
Dereck

Il gestore li guarda, affacciato alla porta del retro del locale.

DERECK: Entrate.

I tre entrano, guardano il gestore incrociare le braccia, visibilmente arrabbiato.

DEREK: Lascerò perdere i preamboli, nonostante gli ultimi episodi mi sembrate ragazzi intelligenti. Quindi non vi sorprenderà sapere che il teatrino di ieri non è piaciuto per niente, nè a me nè ai miei soci.

Mackenzie prova a rispondere, ma Hank la ferma toccandole un braccio.

DERECK: A noi interessa la musica, e pensavo che fossimo tutti d’accordo su questo. Le vostre vicende personali e drammi adolescenziali non ci interessano. Forse a voi più di questo mestiere, perchè non è così che si fa. Non potete ancora permettervelo, mi dispiace dirvelo.

HANK: Non succederà più…

DERECK: Lo voglio sperare. Per voi. Non vi dò il benservito unicamente perchè sia voi che gli Shameless fate arrivare allo Spotted tantissima gente. Però siete sospesi. Una serata a testa.

JUSTIN: Quindi stasera..

DERECK: Quindi stasera non suonate, è esatto.

MACKENZIE: Non è giusto..

DERECK: Eccome se lo è. E se succederà un’altra cosa come quella… Siete fuori dai giochi. Risolvete i vostri problemi lontano da qui.

Dereck si scosta dalla sua scrivania, si allontana dal gruppo, comincia a trafficare con delle carte.

DERECK: E’ tutto, potete andare.

Justin annuisce, diplomatico.

JUSTIN: Una curiosità… Ma se non suoniamo noi, nè gli Shameless, chi altro?




alex4

ALEX: Che ti avevo detto, sorellina? La zappa sui piedi se la sarebbero tirata da soli, non c’era bisogno di perdere tempo per meditare vendetta!

Taylor si scoglie dall’abbraccio del fratello, appena ricevuta la chiamata di Dereck.

TAYLOR: Non ci credo, tu non hai idea..

taylor3

ALEX: Si che ce l’ho.

Taylor gli sorride, poi sul volto passa un velo di tristezza.

TAYLOR: Sarà stato il destino, che ha voluto che ti salutassi in maniera adeguata..

ALEX: Ehi, non è un addio. Vado a Miami. Non c’è nemmeno il fuso orario!

Taylor scuote la testa, l’improvvisa certezza che si ritroverà nuovamente da sola, senza il fratello, è impossibile da ignorare.

TAYLOR: Quindi concertone, poi di corsa all’aereoporto… Sicuro che non vuoi posticipare?

ALEX: Te la caverai anche senza di me.

TAYLOR: No, non è vero.

Alex le prende il mento, la costringe a guardalo in faccia.

ALEX: E invece si. Sei forte sorellina. E non sei da sola, non più.




jessy si prepara

Jessy si osserva allo specchio, il cellulare in vivavoce.

ELLIE: Cosa ti dicevo? Eh? Ehhhh?

JESSY: Cazzate, come sempre.

ELLIE: La tua A più nell’ultimo esame non lascia dubbi. Cazzo, A più! E’ come essere più che eccellenti! Anzi, E’ ESSERE Più CHE ECCELLENTI!

Jessy sorride, poi si fa dubbiosa.

JESSY: Sei troppo contenta per la mia A più. E’ chiaro che c’entra Terry. L’hai sentita oggi?

ELLIE: Si. Stasera vado a vederla suonare.

JESSY: Suona? Cioè, le The Prettiest suonano ancora?

ELLIE: A quanto pare ieri Phil e Hank se le sono date di brutto. Ma brutto brutto. Cazzo, avrei voluto vederlo.

JESSY: Come? Per… Per Liz?

ELLIE: E’ probabile, non so i dettagli. Ma li scoprirò, stanne certa. E i miei sogni migliori saranno farciti di immagini di questi titani, nudi, nel fango, che mostrano la loro virilità..

JESSY: Fa schifo anche a me che sono eterosessuale.

Ellie ride, ma Jessy resta preoccupata.

JESSY: Chissà lei come sta..

ELLIE: Io vorrei vedere come stanno loro.

JESSY: Hank non cambia mai, comunque. Sempre a menare la gente per lei..

ELLIE: Ci sono cose che non cambiano mai..

JESSY: .. E altre che invece lo fanno.

Le due rimangono in silenzio, pensano a Liz, alle loro vite così diverse rispetto a pochi mesi prima.

ELLIE: In ogni caso, sono stati sospesi. Niente di grave, ma per le The Prettiest è una buona possibilità.

JESSY: Mi piacerebbe vederli. Ma sai com’è papà, grandi festeggiamenti..

ELLIE: Avrei dovuto esserci anche io ..

JESSY: Avrebbero dovuto esserci tante persone. Ma stai tranquilla, festeggeremo alla laurea.

ELLIE: Eccome se festeggeremo! Coppe di champagne, chicchi di riso, fuochi d’artificio..

Jessy ride per il trip dell’amica, poi si ritrova a chiedersi chi avrà accanto. Se Liz e Justin ci saranno.. E Lucas. Le piacerebbe tornare a parlarci, ma sa anche che il ragazzo ha il diritto di reagire come vuole.

RICK: Jessy, tesoro? Sei pronta?

JESSY: Devo andare. Papà mi chiama. Fammi sapere come va!

ELLIE: Agli ordini!

Jessy chiude la telefonata, poi scende le scale. Rick e Dalia l’aspettano alla porta.

DALIA: Era un ragazzo al telefono?

mamma jessy
Dalia

JESSY: No, mamma, era Ellie.

DALIA: Ah, Ellie… Potevi chiamare anche lei ed Elizabeth..

JESSY: Avevano.. Avevano da fare. E poi c’è poco da festeggiare..

Il padre le cinge le spalle con un braccio, la stringe a sè.

Rick
Rick

RICK: C’è da festeggiare eccome! Pensa che per l’occasione ti porterò in un ristorante che non è il nostro..

E a Jessy scappa il primo vero sorriso del giorno.




casa beth

LIZ: Si sono baciati. Sicura?

BETH: Mi stai prendendo per il culo? Ero lì.

3B BETH6

Liz alza le mani, guarda l’amica rannicchiata sulla poltrona,a casa sua. L’ha chiamata poco prima che uscisse, Phil l’ha chiamata e le ha raccontato della sospesione.

LIZ: No scusa, è che..

BETH: E’ che sono sfigata, Liz. Te l’ho detto un sacco di volte, non mi hai mai creduto, eppure è così.

Liz la guarda, si stringe nel vestito.

LIZ: Rimango con te..

BETH: Non pensarci neppure!

La vede fare un debole sorriso, la guarda decisa.

LIZ: Phil può aspettare, non sentirà la mia mancanza..

BETH: Penso di sì, da quanto ho capito.

Liz arrosisce, prova a schernirsi.

LIZ: Non è niente di serio..

BETH: Perchè non vuoi tu o perchè non ti sembra il tipo?

LIZ: Perchè non ci ho pensato. Vorrei solo vivermi questa cosa.. Come viene.

BETH: Ti fa stare bene?

Liz le sorride e Beth lo vede, è un sorriso vero.

LIZ: Si.




 

the spotted cat

NICK: Quindi siamo sospesi? Bella roba.

Nick si stringe nelle spalle, alterato. E’ stata una giornata pessima per lui.

JUSTIN: Solo momentaneamente.

MACKENZIE: Questo perchè siamo più famosi di quanto Dereck voglia ammettere..

JUSTIN: Questo non cambia che dobbiamo prendere una decisione.

Gli altri lo guardano, all’entrata dello Spotted.

HANK: Cioè?

JUSTIN: Io.. Trovo inverosimile dover fare questo discorso, ma.. Avevamo detto che i problemi personali non dovevano intralciarci.

Hank sbuffa, alza le mani.

HANK: Mi dispiace, ok? Sul serio. Non so che mi ha preso..

MACKENZIE: Ah, io lo so benissimo..

JUSTIN: Non possiamo permettercelo, ha ragione lui. Quindi decidetelo ora, cosa volete mettere davanti alla musica.

HANK: Niente.

JUSTIN: Sicuro?

Hank annuisce, deciso. Justin si volta verso Mackenzie, che alza un sopracciglio.

MACKENZIE: Per favore… Ho baciato un uomo, per la musica.

JUSTIN: Tu, Nick?

Nick rimane un attimo in silenzio, pensa a Josie, ad Hank, il motivo per cui non avrà mai la ragazza di cui è innamorato. Si volta verso il batterista, poi annuisce. Non è colpa sua.

NICK: Io voglio cantare, belli.

Justin si apre in un sorriso, poi alza le spalle.

JUSTIN: E vabbeh, vediamo come se la cavano con questo palco preso in prestito… Durerà poco.




 

3B ELLIE4

Ellie si fa strada tra i ragazzi che svogliati fumano una sigaretta, o si avvicinano ridendo all’entrata dello Spotted. E’ in ritardo, e ci teneva a fare di persona l’in bocca al lupo a Terry.

ELLIE: Scusami… Scusa..

La ragazza davanti a lei si gira. Liz.

ELLIE: Oh.. Ciao.

LIZ: Ciao.

Liz si sposta per farla passare.

LIZ: Stai andando da Terry?

Ellie la guarda, per un attimo sente un tono cordiale nella voce dell’amica. Vorrebbe fermarsi a parlare.

ELLIE: Già.. Ci vediamo dopo, ok?

E mentre lo dice ci crede. E mentre si allontana, Liz sorride.




Alex alza il pollice in direzione della sorella, dietro le quinte, prima che Taylor richiuda il camerino. Poi si avvicina al pubblico, poco distanti i Carpe Diem. Li guarda allusivo.

ALEX: Buonasera.

MACKENZIE: Proprio la sua faccia da culo dovevamo avere davanti?

ALEX: Ancora per poco, carissima. Stanotte parto.

Hank fa un gesto di soddisfazione, mentre Justin continua a guardarlo, in silenzio.

MACKENZIE: Bravo, hai già fatto troppi danni.

ALEX: Quelli li avete fatti da soli. O meglio, li ha fatti sempre il solito.

alex ironico

HANK: Tua sorella non è una santa. Chiedi a Liam.

ALEX: Però stasera sul palco c’è lei.

JUSTIN: E così vai via. Come mai? New Orleans non è di tuo gusto?

I tre si voltano verso Justin, senza capire. Anche Alex lo guarda confuso.

ALEX: Assolutamente. Ma la mia vita è a Miami..

JUSTIN: Ah ecco. Perchè mi pareva che almeno le ragazze ti piacessero.

justin parla

Alex lo guarda, sorride quando dopo pochi attimi capisce.

ALEX: Ah, stiamo parlando di Jessy. Ma tu non eri fidanzato, Justin?

Justin rimane in silenzio, lo sguardo duro.

MACKENZIE: Rissa numero due. E al diavolo la promessa di cinque minuti fa.

ALEX: Comunque puoi stare tranquillo, mi ha dato il benservito. A quanto pare ha le idee molto chiare su cosa e chi voglia nella propria vita. Cosa che non si può dire di te.

Poi Alex si gira verso il palco. Quando Justin si volta verso Mackenzie, la ragazza sa che il bassista pensa che Alex abbia proprio ragione.

HANK: Ellie?

La ragazza, che li stava superando di fretta, li guarda.

ELLIE: Ehi! Scusatemi, devo andare da..

HANK: Terry?

ELLIE: Esatto. Qualcuno l’ha vista?

Mackenzie scuote la testa, leggermente rabbuiata. Alex, sentendo, si gira.

ALEX: E’ con Taylor. Nel secondo camerino..

Ellie non lo lascia finire, si dirige dietro le quinte.




Colonna Sonora: Stitches (3 scene)

Taylor chiude la porta dietro di sè, il fratello appena uscito dal camerino.

TAYLOR: Quindi ieri sera è andata bene.

TERRY: Si, ieri sera è andata bene.

3B TERRY

Taylor cerca di sorridere, mentre Terry la guarda preoccupata.

TERRY: Senti, Taylor, mi dispiace..

TAYLOR: No, va bene, non devi scusarti..

Taylor si volta, Terry la prende per un braccio, la costringe a girarsi.

TERRY: Io.. Io ci tengo a te, ok? E’ solo che Ellie..

TAYLOR: Ellie è Ellie. Va bene, non sei la prima che sceglie qualcuna di quel gruppo..

TERRY: Troverai qualcuno che ti ami, Taylor. Semplicemente quella persona non sono io. Quello che è successo ultimamente..

Taylor allarga le mani, si sforza di non sembrare delusa.

TAYLOR: Cancellato, tranquilla. Come se non fosse mai successo.

Sbatte le palpebre, nonostate la volontà una lacrima fa capolino, sporcandole la guancia di trucco. Terry la guarda, fa per parlare.

TAYLOR: Sarà meglio che mi prepari, dobbiamo salire sul palco tra poco..

TERRY: Taylor..

TAYLOR: Seriamente, vai..

Terry le si avvicina, Taylor si gira di colpo, sicura. Le due sono a poche decine di metri.

TAYLOR: Sul serio, vai. Io sono tranquilla, e tu mi servi più come batterista che come fidanzata. E’ che sinceramente non mi aspettavo di poter sperimentare anche questo, e invece… Non vado bene nè agli uomini nè alle donne.

TERRY: Ehi, ehi.. Non sei tu il problema, lo capisci? Tu sei… Perfetta. Un pò stronza forse, ma hai i tuoi motivi.

Taylor sorride, mentre ormai le lacrime scorrono, Terry le tiene la testa tra le mani.

TERRY: Sono io che.. Mi dispiace.

terry cry3

Taylor annuisce, poi pianta i suoi occhi in quelli di Terry. E la bacia. Si scosta subito, le sorride.

TAYLOR: Ultimo bacio.

ELLIE: Non ci credo.

Ha visto tutto, ha sentito buona parte della conversazione, o almeno quella che spiega che le due sono state assieme, seppur per poco, mentre lei si disperava perchè Terry non le rispondeva.

TERRY: Ellie..

ELLIE: Ero venuta a farti l’in bocca al lupo, ma vedo che non ne hai bisogno. Sei una stronza tanto quanto la tua cantante. Spero siate felici insieme.

ellie arrabbiata parla

La ragazza esce dalla porta, Terry fa per seguirla.

TAYLOR: Terry, ti prego..

TERRY: Devo seguirla..

Poi si ferma, si ricorda della serata. Impreca mentalmente.

TAYLOR: Ti prego. Non… E’ la mia occasione.

Terry la guarda, annuisce, gli occhi lucidi.

TERRY: Andiamo a suonare.




LIZ: ‘Sera.

SHONE: Stai diventando una presenza costante. Vuoi fare la groupie?

shone
Shone

LIZ: Non è la mia prima ispirazione.

PHIL: E’ una scrittrice, mica una di quelle che puoi pensare di portarti a letto.

Shone alza un sopracciglio.

SHONE: Cos’hai più di me?

Liz guarda Phil sconvolta.

LIZ: Glielo hai..?

PHIL: Non parlano mica solo le donne.

Liz vorrebbe ribattere, poi vede una figura allontanarsi velocemente dalla folla. Ellie.

LIZ: Cosa..?

Fa per seguirla, poi si ferma. Non può, non sa come la ragazza potrebbe prenderla. Va nella direzione opposta.

PHIL: La tua amica è andata dall’altra parte…

LIZ: Torno subito!

Si fa largo tra la folla, raggiunge i Carpe Diem che guardano ancora nella direzione di Ellie. Hank sposta lo sguardo appena la vede arrivare.

hank nuova2

LIZ: Che è successo ad Ellie?

HANK: Ora ti interessa?

MACKENZIE: E’ quello che mi chiedo anche io. Era andata da Terry e..

LIZ: Puoi seguirla?

MACKENZIE: Io?

LIZ: Si, io… Non voglio rimanga da sola.

MACKENZIE: Pensi che apprezzerebbe?

Liz sorride.

LIZ: Conosco Ellie. Ne ha bisogno.

Mackenzie annuisce, poi si dirige velocemente verso l’uscita. Liz fa per parlare, poi Josie si avvicina trafelata.

JOSIE: Ho fatto prima che potevo, Diritto mi fa impazzire..

Guarda Liz, le rivolge un saluto freddo. Liz capisce, abbozza un sorriso.

LIZ: Io vado.. Buona serata.

NICK: Liz!

La ragazza si gira, vede il cantante avvicinarsi.

NICK: Beth è con te? La cerco da tutto il giorno e….

Liz sorride, per un attimo pensa che Nick è come Ethan. Non ha capito niente.

LIZ: Beth è a casa, Nick. E, prima che tu me lo chieda sì, le farebbe piacere se tu andassi da lei.




 

MACKENZIE: ELLIE! ELLIE, ASPETTAMI!

La ragazza vede Ellie diminuire progressivamente l’andatura, mentre con i palmi delle mani, non vista, si asciuga le lacrime. Mackenzie la raggiunge, le cammina al fianco. In silenzio. Ellie si volta verso di lei.

ELLIE: Beh? Niente di consolatorio da dire?

Mackenzie si gratta la testa, dubbiosa.

MACKENZIE: Il fatto che non sia una persona di molte parole, unito al fatto che non ho la minima idea di cosa sia successo, mi rende un pò difficile essere d’aiuto.

ELLIE: E perchè non me lo chiedi?

MACKENZIE: Che è successo?

Ellie fa un grosso respiro, poi si volta. Nessuno, oltre loro due.

ELLIE: Terry è..

MACKENZIE: .. Sul palco.

Ellie fa un sospiro ironico.

ELLIE: Già, la musica prima di tutto. Sono Jessy in versione “Justin che va a Miami”.

MACKENZIE: Avete discusso per questo?

ELLIE: No, o forse si. D’altronde, “Justin – prima di andare a Miami” si scopava qualsiasi cosa respirasse, e Terry non fa eccezione.

Mackenzie la guarda senza capire, poi sul viso le si forma un’espressione sbalordita.

MACKENZIE: E’ stata con Taylor..

ELLIE: Bingo.

Il dirlo le fa spezzare la voce. Sente che sta per rimettersi a piangere, e lo sente anche Mackenzie.

MACKENZIE: Vuoi andare a casa?

ELLIE: E spiegare a mia madre perchè sto piangendo? Hai visto mia madre..

MACKENZIE: Dicevo a casa mia. Papà è in tour.

Ellie la guarda, dubbiosa.

MACKENZIE: Faccio delle gran cioccolate calde.

ELLIE: Accetto. Ho l’imbarazzo della scelta, in ogni caso.

Mackenzie le cinge le spalle, e si avviano verso casa, mentre Ellie sente nuovamente gli occhi pizzicarle.




Liz torna verso gli Shameless, vede che Phil e Shone smettono immediatamente di parlare. Alza gli occhi al cielo.

LIZ: Non voglio entrare in queste chiacchere da uomini…

Phil abbozza un sorriso, mentre Shone le fa l’occhiolino.

LIZ: .. Ma dopo questa meravigliosa performance iniziale… Io me ne andrei a casa.

LIAM: Non ci credo, hai intenzione di perderti Taylor?

LIZ: Si.

Phil sorride, poi si fa serio.

PHIL: Eppure Hank è lì..

LIZ: Non sono qui per lui.

PHIL: E allora per chi?

Liz sorride, poi prende la borsa.

LIZ: Per nessuno, infatti me ne vado a casa.

PHIL: Dimentichi che conosco la strada.

LIZ: Lascerò le chiavi sotto lo zerbino, allora.

liz smile3




JUSTIN: Siamo effettivamente un gruppo unito.

Justin guarda Hank e Josie, accanto a lui. Sono rimasti solo loro.

HANK: Ci sono cose..

JUSTIN: Più importanti, già. E affanculo alla promessa di prima.

JOSIE: Quale promessa?

Hank la guarda di sottecchi, irritato.

HANK: Fattela spiegare da Nick.

Josie si gira verso il ragazzo, stizzita.

JOSIE: Abbiamo il ciclo, Berkley?

Justin scuote la testa, si sente di troppo.

JUSTIN: E per onorare la filosofia della serata.. Io vado.

HANK: Taylor non ti piace?

JUSTIN: No, decisamente no.

HANK: Qualsiasi cosa tu stia andando a fare, puoi farla domani.

Justin si gira, guarda l’amico con un sorriso storto.

JUSTIN: No, non tutto.

Hank lo vede allontanarsi, poi fa per tornare con gli occhi sul palco. Ma Josie è più veloce.

JOSIE: Sto ancora aspettando.

HANK: Cosa?

JOSIE: Che tu mi dica cos’hai.

HANK: Io? Niente..

JOSIE: Hank.

Hank la guarda, si stringe nelle spalle.

HANK: Ho chiuso con Liz. E’ una stronza, e io ci rinuncio. Solo che… Mi ci devo abituare.

JOSIE: E’ più o meno la sedicesima volta che chiudete.

HANK: No stavolta… Sono incazzato.

JOSIE: Perchè ti ha fatto sospendere.

HANK: Perchè mi sono ritrovato nuovamente nella situazione in cui il mio gruppo paga per un mio errore.

Josie lo guarda, poi annuisce.

JOSIE: Non mi hai mai spiegato bene cos’è successo a Miami…

HANK: E’ lungo. E poi come funziona, io ti devo raccontare tutto e tu niente?

Josie lo guarda confusa.

JOSIE: Cosa dovrei raccontarti?

josie sorpresa

HANK: Beh ad esempio.. Del bacio di ieri.

Josie avvampa, non sa come rispondere.

HANK: Non sapevo che ti piacesse Nick..

JOSIE: E infatti non mi piace. Io… L’ho fatto istintivamente. Ma non significa nulla.

Hank la guarda un attimo, poi sorride, sollevato.

HANK: Allora potrai capire i miei casini a Miami..

JOSIE: Sono tutta orecchi.




casa liz

Lucas appoggia la biro nel libro, esausta. Fa per andare a letto, poi Peter lo raggiunge, tossendo.

PETER: Scusa il disturbo..

LUCAS: Figurati, stavo per andare a dormire..

PETER: E io per prendere il caffè. Lavoro notturno.

LUCAS: Come tutti gli scrittori.

PETER: O revisionatori di tesi.

LUCY: Ti ho sentito!

Lucas vede scendere la ragazza al piano di sotto.

LUCY: Caffè anche per me?

Si avvicina alla seduta accando a Lucas, ne sbircia il libro.

LUCY: Sembra complicato. Ora capisco la tua faccia di stamattina.

Lucas ride, poi scuote la testa.

LUCAS: Non era per questo.. Era perchè.. Ieri ho rivisto la mia ex.

LUCY: Oh.

Peter guarda il ragazzo, in silenzio.

LUCY: Non l’hai ancora superato?

LUCAS: Non credo lo supererò mai.

LUCY: Quindi ti ha… Lasciato lei.

LUCAS: Diciamo che.. Ho capito che lei non provava quello che provavo io.

PETER: Parliamo di Jessy, giusto?

Lucas alza la testa sorpeso, poi annuisce, capendo.

LUCAS: Giusto, ci sei uscito anche tu..

PETER: Una volta. Poi lei mi ha detto che aveva un altro per la testa..

LUCAS: Lo stesso che aveva quando stava con me.

PETER: Spero per loro che si siano messi assieme.

LUCAS: Ti sorprenderebbero, i drammi che sono seguiti.

PETER: Direi di no, noi siamo nel bel mezzo di un dramma.

Lucas lo guarda, poi annuisce.

LUCAS: Immagino debba essere dura anche per te..

PETER: Beh, siamo una famiglia allargata. C’è di peggio.

Lucas e Lucy sorridono, poi Peter guarda Lucy.

PETER: Andiamo ad aggiustare questa tesi.

LUCY: Arrivo.

Peter sale le scale, mentre Lucy si appresta a prendere la sua tazza di teh. Poi Peter si volta, sorride a Lucas.

PETER: Comunque si vede che siamo fratelli.. Ci piaceva la stessa ragazza!

LUCAS: E la stessa ragazza ci ha piantato!

Ridono, poi Peter sparisce. Quando si gira Lucy lo guarda, sorridendo.

LUCY: Stai facendo ironia sul tuo cuore spezzato.

lucy sorriso3

Lucas si stringe nelle spalle.

LUCAS: Ho scoperto che mi riesce bene.

LUCY: E allora non è vero che non lo hai ancora superato.

LUCAS: No, è che.. Sono arrabbiato.

LUCY: E invece non dovresti . Perchè.. Ti ha dato la possibilità di essere felice, invece di essere l’eterno secondo. Mi rendo conto che è una visione filosofica dei due di picche ma… Il rancore non fa bene a te, e non ti ridarà lei. Lo dico per esperienza.

Lucas guarda la ragazza, poi Peter, dalla camera, tossisce forzatamente.

LUCY: Devo andare.

LUCAS: Buona revisione.

Lucy gli sorride, tazzina in mano.

LUCY: Buonanotte, Lucas.




Colonna Sonora: Everyone’s got Something (3 scene)

casa beth

Beth apre la porta, alla fine si è decisa a fermare la puntata di Sleepy Hollow e scendere dal letto. Di fronte a lei, Nick, i riccioli che iniziano ad appiccicarsi alla fronte, l’umidità in arrivo.

NICK: Allora sei viva!

BETH: Cosa…?

NICK: Come si dice… “Se Maometto non va alla montagna…” E ti ho fatto un complimento.

Beth si sposta per farlo passare, richiude la porta.

BETH: Non dovevi essere allo Spotted a suonare..

NICK: No, dopo ieri ci hanno sospeso.

Beth lo guarda, abbozza un sorriso triste.

BETH: Atti osceni in luogo pubblico?

NICK: No, Hank e Phil che si men.. Aspetta, hai visto il bacio tra Josie e me?

Beth annuisce, fingendo indifferenza.

BETH: Prima fila. Poi ho avuto un impegno, e sono dovuta scappare..

NICK: Per tutto il giorno.

Nick la guarda, con degli scottex si asciuga i capelli.

BETH: Scusami se ho una vita.

beth alza gli ochi

NICK: Ce l’ho anche io, ma se poi non la racconto a te, cosa me ne faccio?

Beth vede Nick farle l’occhiolino, nonostante tutto la fa ridere la situazione del ragazzo, scalzo, che si asciuga i capelli.

BETH: Ma un asciugamano?

NICK: Te ne sarei immensamente grato.

Beth va in bagno, torna dopo poco con un asciugamano.

BETH: Beh, allora racconta. E’ fatta?

Nick le rivolge un’occhiata delusa, dopo aver guardato il pc della ragazza.

NICK: Nahh. Sono stato friendzonato.

nick sguardo2

Beth sorride, sollevata e ironica allo stesso tempo.

BETH: Ah, ti capisco, succede sempre anche a me.

NICK: Quindi ora penso che per i prossimi… Dodici anni saremo io, te e.. Cos’è che stai guardando?

Beth scuote la testa, si siede accanto a lui.

BETH: Sleepy Hollow.

NICK: Mai sentito. Ha a che fare con Evangelion?

BETH: No, questa è una serie tv. I personaggi sono reali.

NICK: No, fighissimo! Vai, rimettilo dall’inizio..

BETH: Sono alla puntata otto.

NICK: Dici che non ci capirò niente?

Beth alza gli occhi al cielo.

BETH: Odio fare spoiler, ma ti farò un riassunto veloce delle puntate precedenti..




ELLIE: E’ vero, ottima cioccolata. Invece di Liz avrebbero dovuto prendere te, al bar.

Mackenzie si accuccia sul letto, vicino ad Ellie, si stringe le ginocchia al petto.

MACKENZIE: Non c’è niente che una cioccolata non possa risolvere.

Ellie alza le spalle, ormai ha pianto tutte le sue lacrime.

ELLIE: Stare lontane dal gruppo delle The Bichest ne risolverebbe in ogni caso la metà.

Mackenzie sorride, non trovandosi del tutto d’accordo.

ELLIE: Mai più donne.

MACKENZIE: Fidati, baciare un uomo è..

ELLIE: Si, lo so.

Mackenzie la guarda, poi le due scoppiano a ridere. Poi Ellie si fa curiosa.

ELLIE: E come mai mi hai seguito?

MACKENZIE: Ho pensato avessi bisogno di una spalla. E ne avevi.

Ellie sorride, poi Mackenzie continua.

MACKENZIE: In realtà lo ha pensato Liz. Ed è venuta a dirmelo. Non ha visto nemmeno Jessy stasera..

ELLIE: Aspetta.. Liz?

MACKENZIE: Già. Liz. Penso che..

ELLIE: Che abbia capito che ha fatto una marea di stronzate? Meglio tardi che mai…

Mackenzie fa una smorfia triste.

MACKENZIE: C’è gente che.. Impiega un pò di più a capire i proprio errori. Dipende da una serie di fattori ma.. Capirlo è già un passo, no? Poi dipende se le persone sono in grado di perdonarti o meno..

mackenzie si stringe nelle spalle

ELLIE: Le è andata bene. Sono per le seconde opportunità.

Mackenzie la guarda un istante, poi sorride.




casa jessy esterno

Justin arriva davanti a casa sua, la guarda per un attimo. Sa perfettamente qual è la finestra di Jessy, e in questo momento è al buio. Ripensa a lei, a loro, a tutto quello che hanno passato e a tutto quello che non hanno vissuto. Non sa nemmeno perchè è arrivato davanti casa sua, non aveva un piano preciso, e ora non sa cosa dire. E allora rimane così, chiedendosi se non sia già troppo tardi per suonare, se non sia troppo tardi per.. No, lei gli ha detto “aspetterò”. E il ragazzo si ritrova a sorridere in direzione della facciata di quella casa così conosciuta.




camera liz

 

Liz si stira nel letto, prima di voltarsi e trovare Phil. Rimane per un attimo a fissarlo, poi il suo sguardo cade sull’orologio del comodino.

LIZ: Cazzo!

Liz si alza di colpo, mentre il ragazzo impreca sottovoce, si gira a pancia in giù, il braccio sotto il cuscino.

LIZ: Muoviti Phil, è mezzogiorno, tra poco mamma tornerà a casa…

Phil sospira, poi si gira svogliatamente verso Liz, che si sta già vestendo.

PHIL: Ma con te i buongiorno sono sempre così?

LIZ: Quando vivrò da sola..

PHIL: Potevi venire da me.

LIZ: Valuterò l’offerta, decisamente.

Gli lancia i pantaloni, e Phil sbuffa, vestendosi. Il cellulare, dentro la tasca dei jeans, comincia a vibrare. Phil lo estrae, lo guarda preoccupato.

LIZ: Ci sono problemi?

PHIL: No, è Shone che mi avvisa che tra mezz’ora ci sono le prove.

LIZ: Fantastico.

I due scendono velocemente le scale, ma quando passano dalla cucina Liz incrocia due occhi azzurri guardarla, farsi sottili quando vede Phil.

Il ragazzo arriva alla porta, la apre, poi si gira verso Liz.

PHIL: Dobbiamo smetterla di incontrarci così.

Liz sorride, come può. Sa benissimo che Ethan non la lascerà scappare.

LIZ: Ci sentiamo dopo..

PHIL: Si, ti chiamo io.. Dopo le prove.

Liz lo bacia velocemente, poi chiude la porta. Quando passa davanti alla cucina vede Ethan,il libro appoggiato sul divano, che la guarda,a braccia conserte.




Colonna Sonora Best Thing I Never Had (due scene)

LIZ: Non cominciamo.

Si avvicina al frigo, estrae il cartone del succo.

ETHAN: Per quanto tempo?

3B ETHAN3

Liz si gira verso di lui, annoiata.

LIZ: Per quanto tempo cosa?

ETHAN: Per quanto tempo ti comporterai come se fossi trasparente?

Liz finge di pensarci, poi si siede sul piano della cucina.

LIZ: Non puoi biasimarmi se lo faccio. Mi giudichi continuamente.

ETHAN: Ma se non ho nemmeno parlato!

Liz ride, mentre la rabbia malsopita verso il ragazzo torna a farsi sentire, tutte le cose non chiarite tornano a galla.

LIZ: Non mi trattare da stupida, Ethan. Il tuo giudizio non ha mai auvto bisogno di parole, almeno non con me.

Ethan abbandona la sua posizione fintamente rilassata, si alza in piedi, apre le braccia.

ETHAN: Beh, non smetterò di pensare che Phil non sia decisamente quello giusto, solo perchè la mia opinione ti infastidice.

LIZ: Non mi infastidisce, è questo il punto. Non mi interessa, quindi puoi anche smettere di cercare di farmi capire quanto il mio comportamento disdicevole ti deluda.

ETHAN: Però lo fa. Mi delude. E dovrebbe importarti.

“Mi fa incazzare.” Pensa Ethan. ” Mi fa provare cose che ero certo di non provare, per te”. Pensa anche questo, ma non lo dice.

Liz scende dal bancone, appoggia il bicchiere sul tavolo.

LIZ: E perchè? Chi sei tu, Ethan? Non sei mio fratello, nemmeno il mio fratellastro. Non sei il mio ex, nemmeno più mio amico, quindi cosa sei? NIENTE. Il fatto che tu sia deluso non mi cambia la giornata, nè tantomeno la vita.

Liz fa per allontanarsi. Ethan la trattiene, schiarendosi la voce.

ETHAN: Un giorno ti passerà tutta questa rabbia, e mi darai ragione. E capirai che i tuoi atteggiamenti sono dettati da quello che è successo..

ethan arrabbiato

Liz si gira verso di lui, Ethan ha toccato un nervo scoperto.

LIZ: Chissà se tu sarai accanto a me per vederlo. Probabilmente no. E per fortuna, perchè sai una cosa? Sono stata una stupida a pensare che tra noi avrebbe potuto esserci qualcosa. Perchè sono così stanca dei tuoi moralismi, del tuo giudizio ipocrita, dall’alto di chi ha avuto a malapena una relazione, che.. Per fortuna è finita come è finita. Dio, che liberazione!

Ethan la guarda, stringe la mascella, e vorrebbe urlarle che gli dispiace, ma non lo fa, e Liz abbandona definitivamente la cucina.




università

Jessy cerca il suo armadietto, pronta a togliere tutte le cose. 221. Accanto al suo, un ragazzo ha aperto il suo. Jessy si avvicina, poi l’armadietto adiacente si chiude di scatto. Lucas.

Jessy si avvicina, prova a dire qualcosa, poi ci ripensa, ha già detto troppo con Lucas. E’ lui a farle un sorriso tirato, quando la vede. Fuggire è impossibile.

LUCAS: Ehi, Jessy.

JESSY: E..Ehi.

LUCAS: Come va?

JESSY: Io.. Bene, sono venuta a prendere la mia roba, ho finito gli esami..

LUCAS: Ora manca solo la tesi. Complimenti.

Jessy gli sorride brevemente.

JESSY: E invece.. Tu?

Lucas la guarda per un attimo, capisce dal suo sguardo che Jessy è veramente preoccupata, che è per quel motivo che pochi giorni prima gli ha chiesto come stava e ora nemmeno si azzarda a pronunciare quella domanda. La guarda, guarda la ragazza che ha amato senza essere mai ricambiato appieno, ne legge il senso di colpa negli occhi e pensa che è ora che se ne liberi, che  lo facciano entrambi.

LUCAS: La verità?

Jessy annuisce come può, preparandosi al peggio.

LUCAS: Molto meno peggio di quello che credevo. Per te, intendo.

E Jessy è quasi ferita da quella risposta sbruffona, ma anche sollevata, se non altro perchè si augura che sia vera, che non gliel’abbia detto tanto per farle male.

LUCAS: Ora scusami, ma devo andare a lezione..

JESSY: No, certo. Ciao, Lucas.

LUCAS: Ciao, Jessy.

Lucas fa un ultimo cenno di saluto, si allontana lungo il corridoio, lasciandola indietro, e per un attimo pensa a Peter, e Lucy, alla faccia orgogliosa che farà quando saprà come ha gestito quell’incontro. E pensa che sì, oggi per la prima volta l’ha lasciata seriamente indietro. E che è il primo passo, ma è già qualcosa.



saletta prove

Phil si avvicina alla saletta prove, Shone gli va incontro.

SHONE: Alla buon’ora!

shone

PHIL: Scusami, ero da Liz..

SHONE: Immaginavo. Hai tutto?

Phil annuisce, si tocca un rigonfiamento all’interno del giubbotto.

PHIL: Dov’è il ragazzo?

SHONE: Ci aspetta dentro. E’ un pò sospettoso..

Phil sorride, guarda l’amico.

PHIL: Gli hai detto che è roba buona?

Shone sorride all’amico, poi alza le spalle.

SHONE: Aspettavo te.

PHIL: Beh, sono arrivato. Andiamo.

Poi i due entrano nella saletta prove, richiudendosi dietro la porta.

Comments

comments

4 thoughts on “3×17 – STITCHES

  1. Ma che commentone diviso per personaggi!!! 🙂 Mi piaccionoooo 🙂
    Sono contenta che apprezzi la maturità della famiglia Brown/Marshall e anche di Lucas.. Mi pare che abbia guadagnato punti per te, rispetto a Ethan (che invece vuoi morto, ma non eri Lethan a tratti? XD) Vedo che la difficoltà nello shippare stabilmente Liz con qualcuno si è trasferita su Ellie, anche se è stata un pò “obbligata”.. Ma come detto, ci sarà modo per loro di chiarire…
    Josie basta odiarla, povera!!! Invece concordo sulla sfigaggine di Nick e Beth.. Ma come ormai interiorizzato tu stessa, Crossroads è una ruota che gira (vedi alla voce Phil o Terry, XD)
    Alla prossimaaaaa e thanks per la tua fedeltà 🙂 :*

  2. OMG… Più crossroads va avanti più migliora! quando finisco la puntata nuova penso “ok, meglio di così non si potrà” e invece continua a stupirmi!
    Questa in particolare mi ha tenuta incollata allo schermo!

    Phil e Liz finalmente ci han dato dentro! ci voleva! Fanno troppo sesso assieme (in tutti i sensi ahaha). Phil ha quel non so che che ai numerosi uomini di Liz è sempre mancato, è inutile! è magnetico come personaggio! andava tutto bene fino a che non ho letto il finale cmq…rispunta un po’ di drugs! che bello! casini all’orizzonte!
    Ho apprezzato particolarmente Liz in questa puntata: non è stata la solita gnolona, anzi, come ti ho detto in privato, mi è sembrata troppo Maria de filippi! meno male che c’è stata lei a prendere in mano le redini della situazione quando Ellie ha scoperto di Terry.
    Per non parlare di come ha descritto quello sfigatone di Ethan… mamma mia…ma cosa vuol fare? cosa vuole pretendere? ma che stia zitto! è diventato insopportabile! non poteva morire lui al posto di papy marshall???

    dicevo prima Ellie e Terry…this is the end…immaginavo fosse in combutta con quella vacca di Taylor (che come antagonista di crossroads è azzeccatissima) ma non fino a questo punto. almeno se l’è preso nel culo quando terry voleva tornare da ellie anche se era troppo tardi.
    Però ecco che torna di prepotenza la ship con mackenzie…cosa devo fare? ditemi voi chi shippare perchè io non lo so più. Sono esasperata! è troppo sperare che una coppia funzioni per più di 3 puntate??
    (lo so…se funzionassero sarebbe la noia… però ho bisogno di qualche gioia ahaha)
    Mackenzie è stata troppo carina cmq <3 finalmente sono

    No ma ora passiamo ai dei due esseri più sfigati di crossroads…beth e nick… su beth c'è poco da dire. quanto a nick: friendzonato come il figlio di un do minore da Josie (che stronza…non vedo l'ora che sparisca…entro la fine della stagione secondo me si trasferirà…ho questa sensazione).
    chissà che ora che nick ha capito di non avere chance con josie si butti anima e corpo (e che corpo) su beth XD vedremo!

    bella la relazione che piano piano sta nascendo tra la famiglia brown e lucas! atteggiamenti mucho maturi da parte di tutti! prafi!
    E prafo anche lucas con jess…le acque si stanno calmando. povera jessy, direi che ha camminato sui ceci a sufficienza! XD

    Voto: 8+

  3. Commento altrettanto intenso, i miei complimenti!
    Sono contenta che innanzitutto la famiglia Marshall- Brown piaccia, nonostante i conflitti tra Ethan e Liz.. Di cui peraltro hai fatto un’analisi perfetta, è vero, lui ha capito che ha sbagliato, che ha in un qualche modo mentito a sè stesso, e quindi ora è geloso, ma non sa come dirglielo perchè ancora non ha accettato ch sì, prova qualcosa per Liz.. E allora come può ammetterlo a lei?
    Liz d’altra parte non ha intuito niente, anche perchè le volte che ha insinuato qualcosa con lui Ethan ha sempre negato (e questa cosa si vede chiaramente quando Phil fa l’ennesima insinuazione).Phil d’altra parte è un personaggio controverso, che avremo modo di osservare nelle prossime puntate e di “capire” di più…
    Terry e Taylor mi sa che sono state un bel colpo di scena per tutti, e penso che si sia intravista la fragilità di Taylor (è un personaggio che in ogni caso prometto di esplorare in futuro 😉 ), che a questo giro non ha avuto segni di ripicca, diciamo che ha difficoltà a rimanere da sola (cosa che è emersa anche nella seconda serie, con Hank).
    Justin è in un casino totale, si vede, ma quello che gli ha detto Alex ha fatto sì che riflettesse un attimo sull’ “aspetterò” di Jessy e anche che è chiaro, è il momento di prendere una decisione… Jessy e Lucas hanno cominciato a “mettere una pietra sopra” quanto successo, per quanto sia possibile. Lucas sta diventando un ometto 🙂

    Josie me la state crocifiggendo troppo, NO NO E NO! :p Io sinceramente apprezzo il legame che si è creato con Hank, è ovvio che per le LIANK non è la new entry del secolo (e a questo punto non dovrebbe essere nemmeno Phil :p ) però è anche vero che ad Hank è venuta a mancare la spalla di Ellie, che aveva all’inizio della terza serie, e Josie c’è sempre stata quando aveva bisogno, è come se avesse preso il posto di Liz nella prima serie, quando non sapeva che pesci pigliare con Taylor… Staremo a vedere QUANTO l’abbia sostituita nel cuore del nostro batterista.
    Grazie per il commento e per i complimenti, le tue analisi sono sempre efficaci 🙂

  4. Puntata piena di momenti dolcissimi!!! Quanto mi è piaciuta!! sei riuscita davvero a trasmettere un’atmosfera dolce e intima fra Lucy, Peter e Lucas, così come quella fra Ellie e Mackenzie. Sembrerò folle ma è la stessa poesia che riesce a dipingere Asano nei suoi manga!! Stai diventando sempre più brava *-*
    Spero davvero che Peter riesca a inserirsi bene nella famiglia come fratello maggiore, e che possa nascere una bella amicizia fra lui e Lucas così come fra Lucas e Lucy- stavo per shipparli- ma non voglio assolutamente altri casini! ahah Anzi, ora sono curiosa del perchè Lucy abbia detto quelle cose a Lucas, sarà possibile indagare sul suo passato? mi piacerebbe tanto che venisse approfondito il suo personaggio! è così carina!!
    Phil e Liz: la puntata è cominciata benissimo e lui, lo sai quanto mi piace, quanto mi piace shipparli assieme, ma mi è morta la ship alla fine della puntata, ora sono interdetta e spaventata: che diavolo sta facendo quello stupido?! Credo che dalla prossima puntata desidererò che Liz torni fra le braccia di Hank…
    Josie: che puttana, cioè…e va bene lei non sapeva di essere l’amore segreto e decennale di Nick, però mannaggia, si può baciare qualcuno con così tanta leggerezza?! Povero Nick, e anzi povera Beth!! Perlomeno Josie è stata onesta nel dire subito come stavano le cose… ora tocca a Nick rimettersi in piedi e spero lo faccia, capendo qualcosa in più su Beth, anche perchè ne abbiamo già abbastanza di amori non corrisposti! xD
    Terry: ammetto che non mi sarei mai aspettata una possibile storia con Taylor, credevo stessero architettando chissà cosa ai danni di Ellie e perciò di Hank e del gruppo, invece…son rimasta basita. Devo ammettere che ho visto una versione ancora più “provata” di Taylor, che ora da un punto di vista sentimentale non sa più che pesci prendere… Credo che Terry possa mettersi in disparte, perchè desidero che si allacci una bella amicizia e qualcosa di più fra Ellie e Mackenzie! E poi il discorso delle seconde opportunità cade a pennello!! 😀 <3 <3
    Jessy: vorrei avere il suo successo scolastico ahah mi è piaciuta la scena con Lucas, fra i due riesco a immedesimarmi più facilmente con Lucas, e quel sorriso che riesce a fare, quella sensazione, anche se flebile, di una riconquista di sè, del fatto di non essere più così drammaticamente in balia dei propri sentimenti non corrisposti, e di riuscire di nuovo a gestirli, di guardarli senza sentirsi impotenti…Sono contenta per Lucas e spero davvero che possa rimettersi.
    Ethan e Liz: c'è poco da fare, Ethan è preso, parecchio e credo che se ne stia rendendo conto poco alla volta, sempre di più. Non mi sento di giudicare lo spirito combattivo con cui Liz si rivolge a lui, alla fine per loro è davvero difficile trovare un punto di equilibrio, un terreno stabile su cui confrontarsi, se poi Ethan fa sentire così giudicata Liz, sarà ancora più complicato…
    Justinuccio di fronte alla casa di Jessy è di una tenerezza infinita, chissà cosa deciderà, se è davvero il caso di buttarsi, di riprovarci con Jessy. In ogni caso, lei aspetterà, è vero, eheh e questa volta aspettare non ha mai avuto un significato così bello.

Comments are closed.